Pagina semplice

Bando di concorso per l’assegnazione di “Sussidi di studio in memoria di Venka Miletic”

Premio
Premio

Il Consiglio della Fondazione Sasso Corbaro, in collaborazione con la Supsi, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana, mette a concorso, per l’anno 2019, i seguenti sussidi di studio in ricordo di Venka Miletic, deceduta a Lugano nell’aprile del 2013 all’età di 62 anni.

* N. 2“Premi Venka Miletic”dell’importo di chf 3.000.-  cad. destinati a studenti Supsi autori di una tesi di laurea triennale o un lavoro di diploma in ambito sanitario/sociale/economico nella quale siano ravvisati elementi di autentico interesse per tematiche inerenti le Medical humanities e/o l’etica della salute pubblica.

* N. 1“Borsa di studio in memoria di Venka Miletic”  dell’importo di chf 5.000.- destinata a studenti iscritti a un master in Medical humanities.

La Fondazione Sasso Corbaro, fondata nel 2000 su iniziativa di medici, imprenditori e studiosi, ha lo scopo di promuovere lo studio, l’insegnamento e la ricerca nel campo delle Medical humanities e dell’etica clinica.

I Premi di cui al presente bando hanno lo scopo di dare visibilità e gratificazione a lavori che contribuiscano a diffondere, in ambito sanitario e assistenziale, una interpretazione umanistica della delicata relazione curante/paziente. 

La Borsa di studio ha lo scopo di agevolare il percorso scolastico di studenti orientati a praticare, nella loro esperienza professionale, i principi Medical humanities.

Una giuria composta da tre membri, di cui due interni alla Fondazione e uno designato dalla Supsi, valuterà gli elaborati, con giudizio insindacabile, sulla base dei seguenti criteri di massima:

Per le tesi di laurea e lavori di diploma:

  • originalità delle argomentazioni;
  • chiarezza espositiva;
  • coerenza con le finalità del bando;
  • appropriatezza e varietà delle fonti;
  • curriculum vitae e studiorum.

Per la borsa di studio:

  • risultati conseguiti dal candidato/a durante il suo percorso di studio;
  • sensibilità e propensione del candidato/a per le tematiche Medical humanities, con particolare attenzione al rapporto paziente-curante.
  • curriculum vitae e studiorum.

In caso di adesioni insufficienti o di lavori ritenuti di scarsa considerazione, la giuria si riserva la facoltà di non assegnare i premi.

Per partecipare all’assegnazione dei sussidi di studio i candidati dovranno inviare alla Segreteria della Fondazione Sasso Corbaro la seguente documentazione: 

Per le tesi di laurea e lavori di diploma:

  • L’elaborato in formato elettronico, eventualmente accompagnato da una sintesi in formato cartaceo di massimo 2.500 parole.Certificazione di valutazione positiva.
  • Breve curriculum vitae e, se ritenuto opportuno, eventuale documentazione atta a rappresentare il proprio percorso formativo.
  • Fotocopia di un documento di identità.
  • Autorizzazione alla eventuale pubblicazione a titolo gratuito della tesi o della sintesi  sulla “Rivista per le Medical Humanities” della Fondazione Sasso Corbaro .

Per la borsa di studio:

  • Attestato di frequenza o titolo di studio conseguito.
  • Curriculum vitae e curriculum studiorum.
  • Fotocopia di un documento di identità.
  • Una nota biografica che fornisca, anche sulla base di eventuali esperienze dirette o di attestazioni di insegnanti o superiori, indicazioni utili a chiarire  i seguenti punti della personalità del candidato/a:
    a) Come ha maturato sensibilità e interesse per le tematiche inerenti le Medical humanities.
    b) Perché ritiene che un approccio Medical humanities possa migliorare le condizioni del paziente e il rapporto paziente/curante.
    c) Come ritiene di realizzare un approccio Medical humanities nella sua attività professionale presente o futura.

I Sussidi di studio in memoria di Venka Miletic sono compatibili con altri premi o assegni di studio.

Le domande, redatte sull’apposito formulario che può essere scaricato tramite il link http://www.sasso-corbaro.ch/content/premio, dovranno pervenire alla Segreteria della Fondazione, unitamente alla documentazione richiesta:

* entro il 31 gennaio 2020 per partecipare all’assegnazione della Borsa di studio; 

* entro il 30 novembre 2019  per partecipare all’assegnazione dei Premi. 

 

Il Consiglio della Fondazione Sasso Corbaro, in collaborazione con la Supsi, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana, mette a concorso, per l’anno 2019, i seguenti sussidi di studio in ricordo di Venka Miletic, deceduta a Lugano nell’aprile del 2013 all’età di 62 anni.

* N. 2“Premi Venka Miletic”dell’importo di chf 3.000.-  cad. destinati a studenti Supsi autori di una tesi di laurea triennale o un lavoro di diploma in ambito sanitario/sociale/economico nella quale siano ravvisati elementi di autentico interesse per tematiche inerenti le Medical humanities e/o l’etica della salute pubblica.

* N. 1“Borsa di studio in memoria di Venka Miletic”  dell’importo di chf 5.000.- destinata a studenti iscritti a un master in Medical humanities.

La Fondazione Sasso Corbaro, fondata nel 2000 su iniziativa di medici, imprenditori e studiosi, ha lo scopo di promuovere lo studio, l’insegnamento e la ricerca nel campo delle Medical humanities e dell’etica clinica.

I Premi di cui al presente bando hanno lo scopo di dare visibilità e gratificazione a lavori che contribuiscano a diffondere, in ambito sanitario e assistenziale, una interpretazione umanistica della delicata relazione curante/paziente. 

La Borsa di studio ha lo scopo di agevolare il percorso scolastico di studenti orientati a praticare, nella loro esperienza professionale, i principi Medical humanities.

Una giuria composta da tre membri, di cui due interni alla Fondazione e uno designato dalla Supsi, valuterà gli elaborati, con giudizio insindacabile, sulla base dei seguenti criteri di massima:

Per le tesi di laurea e lavori di diploma:

  • originalità delle argomentazioni;
  • chiarezza espositiva;
  • coerenza con le finalità del bando;
  • appropriatezza e varietà delle fonti;
  • curriculum vitae e studiorum.

Per la borsa di studio:

  • risultati conseguiti dal candidato/a durante il suo percorso di studio;
  • sensibilità e propensione del candidato/a per le tematiche Medical humanities, con particolare attenzione al rapporto paziente-curante.
  • curriculum vitae e studiorum.

In caso di adesioni insufficienti o di lavori ritenuti di scarsa considerazione, la giuria si riserva la facoltà di non assegnare i premi.

Per partecipare all’assegnazione dei sussidi di studio i candidati dovranno inviare alla Segreteria della Fondazione Sasso Corbaro la seguente documentazione: 

Per le tesi di laurea e lavori di diploma:

  • L’elaborato in formato elettronico, eventualmente accompagnato da una sintesi in formato cartaceo di massimo 2.500 parole.Certificazione di valutazione positiva.
  • Breve curriculum vitae e, se ritenuto opportuno, eventuale documentazione atta a rappresentare il proprio percorso formativo.
  • Fotocopia di un documento di identità.
  • Autorizzazione alla eventuale pubblicazione a titolo gratuito della tesi o della sintesi  sulla “Rivista per le Medical Humanities” della Fondazione Sasso Corbaro .

Per la borsa di studio:

  • Attestato di frequenza o titolo di studio conseguito.
  • Curriculum vitae e curriculum studiorum.
  • Fotocopia di un documento di identità.
  • Una nota biografica che fornisca, anche sulla base di eventuali esperienze dirette o di attestazioni di insegnanti o superiori, indicazioni utili a chiarire  i seguenti punti della personalità del candidato/a:
    a) Come ha maturato sensibilità e interesse per le tematiche inerenti le Medical humanities.
    b) Perché ritiene che un approccio Medical humanities possa migliorare le condizioni del paziente e il rapporto paziente/curante.
    c) Come ritiene di realizzare un approccio Medical humanities nella sua attività professionale presente o futura.

I Sussidi di studio in memoria di Venka Miletic sono compatibili con altri premi o assegni di studio.

Le domande, redatte sull’apposito formulario che può essere scaricato tramite il link http://www.sasso-corbaro.ch/content/premio, dovranno pervenire alla Segreteria della Fondazione, unitamente alla documentazione richiesta:

* entro il 31 gennaio 2020 per partecipare all’assegnazione della Borsa di studio; 

* entro il 30 novembre 2019  per partecipare all’assegnazione dei Premi. 

 

Pagina semplice

Catalogo biblioteca

Catalogo biblioteca
Catalogo biblioteca

Il catalogo della biblioteca FSC è consultabile attraverso la sezione “Fondi Speciali” presente sul sito del Sistema Bibliotecario Ticinese (Sbt).

Il catalogo della biblioteca FSC è consultabile attraverso la sezione “Fondi Speciali” presente sul sito del Sistema Bibliotecario Ticinese (Sbt).

Pagina semplice

Sviluppi futuri

Sviluppi futuri
Sviluppi futuri

Nel 2020, a vent’anni dalla nascita, la Fondazione Sasso Corbaro rinnova il proprio impegno nella promozione delle Medical Humanities e dell’etica clinica mediante lo sviluppo e il sostegno a progetti di ricerca, di documentazione, di consulenza e, in particolare, di formazione. Attorno a questo specifico ramo della propria attività, infatti, la FSC intende concentrare le proprie risorse negli anni a venire, promuovendo tre nuove ‘aree’ di insegnamento:

All’interno del progetto di una Scuola di Medical e Social Humanities diffusa sul terrotorio cantonale, due sono le iniziative che vedranno la luce nel corso del 2020:

  • La Scuola di Medical Humanities per una Buona Cura, promossa dalla Fondazione Sasso Corbaro in collaborazione con la Fondazione Parco San Rocco: un percorso formativo volto a stimolare una riflessione sulla Cura e sulla Buona Cura, intesa come cura dell'esistenza, al di là e al di qua dai suoi specialismi professionali sanitari, psicologici, educativi o sociali. Tema dell’anno 2020: Cura e Amore?
     
  • Il progetto pilota Fra libertà, contenzione e rischi: un approccio etico, promosso su mandato dell’Ufficio degli Anziani e delle Cure a Domicilio (UACD dalla Fondazione Sasso Corbaro in collaborazione con Commissione di Etica Clinica dell’EOC (COMEC), e coordinato dall’Associazione Direttori delle Case per Anziani della Svizzera Italiana (ADiCASI). Un percorso volto a fornire al personale curante di queste strutture gli strumenti necessari per attuare scelte eticamente complesse, nel rispetto della libertà e della sicurezza dei propri  residenti.

Un’importante tassello che arricchisce il percorso di formazione accademica proposto durante scorsi anni dalla FSC, sarà rappresentato nel 2020 dal CAS La comunicazione etica delle diagnosi e delle prognosi, elaborato in collaborazione con l’Università della Svizzera Italiana, a cui la Fondazione si è recentemente associata.

A completare il mosaico di iniziative legate al campo della formazione si collocano i cosiddetti ‘Progetti satellite’: una serie di percorsi autonomi, di scala più ridotta, che toccheranno alcuni fra i temi di maggiore attualità nel campo delle Medical Humanities e dell’Etica Clinica. Fra questi, sono in fase di sviluppo dei percorsi dedicati a: Coscienza, coma e demenza con un Convegno sulla neuroetica in collaborazione con il Neurocentro della Svizzera Italiana; Medicina digitalizzata e robotica; Casistica clinica sceneggiata.

Accanto all’impegno profuso nel campo della formazione, la Fondazione Sasso Corbaro celebra il suo ventesimo anniversario attraverso la creazione di una nuova Newsletter che, a partire da gennaio 2020, raggiungerà con scadenza mensile il pubblico iscritto proponendo approfondimenti legati ai temi delle Medical Humanities e dell’Etica Clinica, recensioni ecensioni di libri e film, segnalazioni di eventi e informazioni utili a chi desidera fare ricerca in questo ambito.

Nel 2020, a vent’anni dalla nascita, la Fondazione Sasso Corbaro rinnova il proprio impegno nella promozione delle Medical Humanities e dell’etica clinica mediante lo sviluppo e il sostegno a progetti di ricerca, di documentazione, di consulenza e, in particolare, di formazione. Attorno a questo specifico ramo della propria attività, infatti, la FSC intende concentrare le proprie risorse negli anni a venire, promuovendo tre nuove ‘aree’ di insegnamento:

All’interno del progetto di una Scuola di Medical e Social Humanities diffusa sul terrotorio cantonale, due sono le iniziative che vedranno la luce nel corso del 2020:

  • La Scuola di Medical Humanities per una Buona Cura, promossa dalla Fondazione Sasso Corbaro in collaborazione con la Fondazione Parco San Rocco: un percorso formativo volto a stimolare una riflessione sulla Cura e sulla Buona Cura, intesa come cura dell'esistenza, al di là e al di qua dai suoi specialismi professionali sanitari, psicologici, educativi o sociali. Tema dell’anno 2020: Cura e Amore?
     
  • Il progetto pilota Fra libertà, contenzione e rischi: un approccio etico, promosso su mandato dell’Ufficio degli Anziani e delle Cure a Domicilio (UACD dalla Fondazione Sasso Corbaro in collaborazione con Commissione di Etica Clinica dell’EOC (COMEC), e coordinato dall’Associazione Direttori delle Case per Anziani della Svizzera Italiana (ADiCASI). Un percorso volto a fornire al personale curante di queste strutture gli strumenti necessari per attuare scelte eticamente complesse, nel rispetto della libertà e della sicurezza dei propri  residenti.

Un’importante tassello che arricchisce il percorso di formazione accademica proposto durante scorsi anni dalla FSC, sarà rappresentato nel 2020 dal CAS La comunicazione etica delle diagnosi e delle prognosi, elaborato in collaborazione con l’Università della Svizzera Italiana, a cui la Fondazione si è recentemente associata.

A completare il mosaico di iniziative legate al campo della formazione si collocano i cosiddetti ‘Progetti satellite’: una serie di percorsi autonomi, di scala più ridotta, che toccheranno alcuni fra i temi di maggiore attualità nel campo delle Medical Humanities e dell’Etica Clinica. Fra questi, sono in fase di sviluppo dei percorsi dedicati a: Coscienza, coma e demenza con un Convegno sulla neuroetica in collaborazione con il Neurocentro della Svizzera Italiana; Medicina digitalizzata e robotica; Casistica clinica sceneggiata.

Accanto all’impegno profuso nel campo della formazione, la Fondazione Sasso Corbaro celebra il suo ventesimo anniversario attraverso la creazione di una nuova Newsletter che, a partire da gennaio 2020, raggiungerà con scadenza mensile il pubblico iscritto proponendo approfondimenti legati ai temi delle Medical Humanities e dell’Etica Clinica, recensioni ecensioni di libri e film, segnalazioni di eventi e informazioni utili a chi desidera fare ricerca in questo ambito.

Pagina semplice

Abstract richerca

Ethique clinique dans le système de santé du Canton du Tessin: construction d’un database des structures existantes, analyse des besoins et campagne d’information

Roberto Malacrida
Valentina Di Bernardo
Nicola Grignoli

Commissioni etiche
Commissioni etiche

Résumé

Introduction
L'entrée en vigueur au 1er janvier 2013 du nouveau droit fédéral de protection de la personne et la publication des recommandations "Soutien éthique" de l'ASSM en 2012 vont avoir un fort impact sur le développement de l'éthique clinique dans notre système de santé. Il y a nécessité de mieux connaître l'activité existante ainsi que les projets futurs dans ce domaine dans le Canton du Tessin où aucune donnée n’est disponible à ce jour.

Objectifs
L’objectif du projet est celui de constituer un database des structures d’éthique clinique sur le territoire cantonal, de sonder les besoins dans ce domaine et de lancer une campagne d'information. 

Méthodes 
Etude descriptive multicentrique. Deux formulaires développées ad hoc avec des questions fermées et des champs libres permettront de réaliser des interviews structurées. Tous les services de santé du Canton Tessin seront contactés par selon les adresses fournies par le Département de la santé et de la socialité de la République du Canton du Tessin, en collaboration avec l’Office du médecin cantonal. Une collaboration pour le recueil de données sera établie avec la Commission d’éthique clinique de l’Ente Ospedaliero cantonale du Canton du Tessin, l’Académie suisse des sciences médicales et la Société suisse d’éthique biomédicale. L’étude se développe sur 4 phases: 1) Contact des institution cible (hôpitaux publiques, cliniques psychiatriques, établissements médicaux-sociaux, institutions de réhabilitation, institutions spécialisées, sociétés d’hospitalisation à domicile cliniques privées), 2) Récolte des données (6 mois), 3) Analyse, 4) Publication et diffusion des résultats. 

Bénéfices attendus
Le projet de recherche permettra de disposer de données «réelles» sur l’activité des structures d’éthique clinique ainsi que de sonder les besoins dans ce domaine dans le système de santé cantonal. Le recueil de donnée sera également l’occasion pour lancer une campagne d’information sur l’éthique clinique de façon capillaire auprès des institutions de santé. Une meilleure connaissance du fonctionnement de l’éthique clinique sur le territoire permettra de mieux adapter les stratégies de planification de ces services au niveau de la politique sanitaire future et au niveau de la planification des programmes de formations dans le domaine de la santé. Ce projet pilote pourra être ensuite repris et élargi à d’autres cantons et au niveau national.

Résumé

Introduction
L'entrée en vigueur au 1er janvier 2013 du nouveau droit fédéral de protection de la personne et la publication des recommandations "Soutien éthique" de l'ASSM en 2012 vont avoir un fort impact sur le développement de l'éthique clinique dans notre système de santé. Il y a nécessité de mieux connaître l'activité existante ainsi que les projets futurs dans ce domaine dans le Canton du Tessin où aucune donnée n’est disponible à ce jour.

Objectifs
L’objectif du projet est celui de constituer un database des structures d’éthique clinique sur le territoire cantonal, de sonder les besoins dans ce domaine et de lancer une campagne d'information. 

Méthodes 
Etude descriptive multicentrique. Deux formulaires développées ad hoc avec des questions fermées et des champs libres permettront de réaliser des interviews structurées. Tous les services de santé du Canton Tessin seront contactés par selon les adresses fournies par le Département de la santé et de la socialité de la République du Canton du Tessin, en collaboration avec l’Office du médecin cantonal. Une collaboration pour le recueil de données sera établie avec la Commission d’éthique clinique de l’Ente Ospedaliero cantonale du Canton du Tessin, l’Académie suisse des sciences médicales et la Société suisse d’éthique biomédicale. L’étude se développe sur 4 phases: 1) Contact des institution cible (hôpitaux publiques, cliniques psychiatriques, établissements médicaux-sociaux, institutions de réhabilitation, institutions spécialisées, sociétés d’hospitalisation à domicile cliniques privées), 2) Récolte des données (6 mois), 3) Analyse, 4) Publication et diffusion des résultats. 

Bénéfices attendus
Le projet de recherche permettra de disposer de données «réelles» sur l’activité des structures d’éthique clinique ainsi que de sonder les besoins dans ce domaine dans le système de santé cantonal. Le recueil de donnée sera également l’occasion pour lancer une campagne d’information sur l’éthique clinique de façon capillaire auprès des institutions de santé. Une meilleure connaissance du fonctionnement de l’éthique clinique sur le territoire permettra de mieux adapter les stratégies de planification de ces services au niveau de la politique sanitaire future et au niveau de la planification des programmes de formations dans le domaine de la santé. Ce projet pilote pourra être ensuite repris et élargi à d’autres cantons et au niveau national.

switcher